Attualità

Il 2022 nelle ricerche su Google

Nel 2022 la parola che è stata più cercata su Google in tutto il mondo è stata “Wordle”. È il nome di un gioco online in cui ogni giorno bisogna indovinare una parola inglese di 5 lettere: ha avuto un grandissimo successo, anche tra chi non è di madrelingua inglese, tanto che è stato acquistato dal New York Times che lo ha aggiunto nella sua sezione di enigmistica online.

Anche in Italia molte persone si erano appassionate a Wordle, specialmente nei primi mesi dell’anno, ma non abbastanza da far comparire il nome del gioco tra le prime dieci parole più cercate su Google nell’ultimo anno. Nella classifica nazionale sono ai primi posti parole ed espressioni legate alle notizie europee: si comincia con “Ucraina”, “Regina Elisabetta” e “Russia Ucraina”.

Come ogni anno Google ha diffuso diverse liste delle cose più cercate sul suo motore di ricerca, nel mondo e nei singoli paesi. Bisogna specificare che non sono liste delle cose più cercate in assoluto, perché alcune non calano mai e se venissero considerate comparirebbero sempre in cima a ogni classifica (le previsioni del tempo, per dirne una). Per questo motivo, Google mette insieme queste liste inserendo i termini di ricerca che nell’ultimo anno hanno avuto una crescita rilevante rispetto all’anno precedente. Di seguito abbiamo messo insieme le principali liste delle cose più cercate in Italia.

Parole
Lo scorso anno la parola, o meglio l’espressione, più cercata in Italia rifletteva l’interesse per lo sport: era stata “Serie A”. Quest’anno ha invece prevalso l’interesse per le notizie internazionali, prevalentemente quelle riguardanti l’invasione russa dell’Ucraina, che è iniziata il 24 febbraio ed è la più vasta guerra sul territorio europeo dai tempi della Seconda guerra mondiale.

Un evento sportivo che invece è stato eccezionalmente cercato rispetto all’anno scorso sono gli Australian Open. È uno dei quattro tornei più importanti del tennis e se ne era parlato moltissimo a gennaio, prima del loro inizio, per l’incertezza legata alla partecipazione del tennista serbo Novak Djokovic, a cui l’Australia aveva negato il visto perché non vaccinato contro il coronavirus dopo circa due settimane di dispute. Al nono posto della classifica c’è invece “Italia Macedonia”, ovvero la chiave di ricerca per trovare informazioni sulla partita di calcio che avrebbe potuto far qualificare la nazionale maschile ai Mondiali attualmente in corso e invece no.

Le elezioni politiche sono solo al quinto posto, forse anche perché la campagna elettorale è stata particolarmente breve, mentre si vedono tracce del festival di Sanremo, uno degli eventi televisivi più seguiti in Italia, all’ottavo e al decimo posto: sono occupati rispettivamente da “Drusilla”, il nome del personaggio che è stato tra i conduttori dell’ultima edizione, e da “Blanco”, il meno noto dei due vincitori.

  1. Ucraina
  2. Regina Elisabetta
  3. Russia Ucraina
  4. Australian Open
  5. Elezioni 2022
  6. Putin
  7. Piero Angela
  8. Drusilla
  9. Italia Macedonia
  10. Blanco

Personaggi
Nella lista che tiene conto dei soli personaggi – e in cui sono considerate solo persone vive – c’è Vladimir Putin al primo posto, come riflette anche la classifica generale. Poi ci sono cinque sportivi: tre tennisti e due calciatori. Sono il tennista italiano Jannik Sinner, che è considerato uno dei più promettenti al mondo e che quest’anno ha alternato risultati esaltanti a sconfitte deludenti; il calciatore serbo Dusan Vlahovic, che ha ottenuto grandi risultati prima e dopo l’acquisto da parte della Juventus; il già citato Djokovic; il tennista italiano Matteo Berrettini, che quest’anno è stato a lungo assente per infortunio ma è comunque riuscito a vincere due tornei importanti; e il calciatore argentino Paulo Dybala, che invece ha lasciato la Juventus ed è andato alla Roma.

  1. Putin
  2. Drusilla
  3. Blanco
  4. Sinner
  5. Vlahovic
  6. Djokovic
  7. Berrettini
  8. Dybala
  9. Marco Bellavia
  10. Ornella Muti

Addii
Quest’altra lista è invece dedicata alle persone molto cercate perché morte nel corso dell’anno. Prevedibilmente al primo posto c’è la regina del Regno Unito Elisabetta II (che è al primo posto di questa lista anche nel contesto mondiale) e al secondo Piero Angela, che era il più noto e apprezzato divulgatore scientifico italiano. Al terzo posto c’è il nome di Mino Raiola, noto procuratore sportivo morto a fine aprile – la sua morte era stata annunciata erroneamente dai giornali anche qualche giorno prima del decesso effettivo, per poi essere smentita.

  1. Regina Elisabetta
  2. Piero Angela
  3. Mino Raiola
  4. David Sassoli
  5. Monica Vitti
  6. Manuel Vallicella
  7. Catherine Spaak
  8. Anne Heche
  9. Olivia Newton John
  10. Ray Liotta

Perché…?
A Google vengono poste molte domande e quelle più frequenti possono riflettere l’interesse per le notizie e il volerne sapere di più (“Perché la Russia vuole invadere l’Ucraina”, “Perché Draghi si è dimesso”) e le preoccupazioni per le ripercussioni sulla vita quotidiana delle persone (“Perché aumenta la benzina”, “Perché il diesel costa più della benzina”), ma anche la curiosità per espressioni che cominciano a circolare (“Perché Pioli is on fire”, relativo al coro per l’allenatore del Milan Stefano Pioli sulla base della canzone Freed from desire già molto usata negli stadi) e per vari pettegolezzi (“Perché Totti e Ilary si separano”). Un riferimento al coronavirus compare al settimo posto di questa classifica, con la domanda “Perché mezza dose moderna”.

  1. La Russia vuole invadere l’Ucraina
  2. Pioli is on fire
  3. Aumenta la benzina
  4. Draghi si è dimesso
  5. Il diesel costa più della benzina
  6. Totti e Ilary si separano
  7. Mezza dose moderna
  8. Elettra e Ginevra hanno litigato
  9. Lilli Gruber non è a otto e mezzo
  10. Dybala lascia la Juve

Come fare…?
C’è anche una lista di dieci domande più pratiche, quelle per chiedere istruzioni su come fare qualcosa. Comprende tre domande relative ai tamponi per rilevare il coronavirus, una delle quali è al primo posto, quattro relative a procedure burocratiche (“Come fare il passaporto” è la quarta della classifica) e due che invece riguardano l’uso degli smartphone (“Come fare i sondaggi su WhatsApp” e “Come fare aggiornamento iOS 16”). La decima invece è a tema alimentare: “Come fare le pesche sciroppate”.

  1. Il tampone rapido
  2. I sondaggi su WhatsApp
  3. Tampone a casa
  4. Il passaporto
  5. Domanda assegno unico
  6. Domanda bonus 200 euro
  7. Tampone molecolare
  8. ISEE 2022
  9. Aggiornamento iOS 16
  10. Le pesche sciroppate

Cosa significa…?
Una terza lista di domande è fatta di quelle che chiedono il significato di una parola o espressione. Al primo posto ce n’è di nuovo una che riguarda l’invasione russa dell’Ucraina, “cosa significa la Z sui carri armati russi”, a cui il Post aveva risposto qui. Il secondo “cosa significa” più cercato invece riguarda una parola che compare nel ventiseiesimo canto dell’Inferno di Dante Alighieri: “orranza”. Il terzo invece riguarda il cosiddetto corsivo, un modo di pronunciare le parole attribuito alle ragazze milanesi e popolarizzato su TikTok da Elisa Esposito.

  1. La Z sui carri armati russi
  2. Orranza
  3. Parlare in corsivo
  4. Una tantum
  5. No fly zone
  6. Baiulo
  7. Green pass rafforzato
  8. Paraclito
  9. Droppare Instagram
  10. NATO

Serie TV
Google mette insieme delle liste anche su attori, film e serie tv più cercate. Quella sulle serie può suggerire quali siano state anche le più guardate. Le prime tre sono tutte disponibili su Netflix in Italia: le prime due, peraltro prodotte dalla piattaforma di streaming, sono la prevedibile Stranger Things e Dahmer, che racconta la storia vera di un serial killer cannibale americano; la terza è Manifest, una serie che parla di un aereo scomparso in volo, e ricomparso improvvisamente cinque anni dopo senza che i passeggeri siano invecchiati nel frattempo.

  1. Stranger Things
  2. Dahmer
  3. Manifest
  4. Lol 2
  5. The Watcher
  6. Viola come il mare
  7. L’amica geniale
  8. House of the Dragon
  9. Sopravvissuti
  10. La Sposa

LINK ORIGINALE

Fonte:https://www.ilpost.it/, Pubblicato il:

Related Articles

Back to top button