AmbienteScienza e tecnologia

Il più grande vulcano attivo si è svegliato

https://www.focus.it/images/2022/11/29/vulcano-mauna-loa_w630.jpg?imbypass=true

Il Mauna Loa delle isole Hawaii, il più grande vulcano attivo del Pianeta (che in passato ha ospitato anche simulazioni di missioni… marziane), è tornato a eruttare dopo quasi 40 anni dall’ultima eruzione. L’allerta sull’isola è al livello massimo. Al momento i flussi di lava sono rimasti in prossimità dell’enorme caldera, ma l’eruzione potrebbe ben presto scendere verso aree residenziali. «La lava molto fluida è in grado di cambiare velocemente la propria strada», ha fatto sapere il servizio geologico statunitense (che ha pubblicato il video che segue, ripreso da una videocamera termica) e dunque per i residenti del luogo è necessario rimanere pronti all’evacuazione.

Rischio anche dai gas. Pericolosi sono anche i gas che fuoriescono dalla bocca centrale che, trasportati dal vento, possono ricadere su vaste aree dell’isola. Spiega Robin George Andrews, vulcanologo dell’USGS: «Questo vulcano erutta da decine di anni, ma dal 1984 si è preso una pausa che è la più lunga della storia registrata. Per questo motivo va tenuto sotto particolare controllo».

Il magma che si è addensato nella camera magmatica, infatti, potrebbe essere tale da produrre un’eruzione di lunga durata.

Il Mauna Loa, così come tutte le Isole Hawaii, è un vulcano da “punto caldo”. Ciò significa che le sue lave arrivano direttamente dal mantello profondo. Stando ad alcune ricerche potrebbero arrivare addirittura da oltre 2.500 chilometri di profondità, proprio dal confine tra il mantello e il nucleo della Terra.

Che numeri. Per questo motivo le lave sono generalmente fluide e non danno origine a eruzioni esplosive (tipo Vesuvio), ma ad eruzioni effusive che possono durare anche molto a lungo. Il Mauna Loa sorge dalle profondità dell’Oceano Pacifico e si innalza per 4.169 metri sul livello del mare. Se si considera anche la parte che scende sotto l’oceano, la sua altezza complessiva supera gli 11.000 metri: con queste premesse, risulta la montagna più alta del Pianeta. Complessivamente, da quando ha iniziato ad esistere circa 5 milioni di anni fa, ha eruttato circa 75.000 chilometri cubi di lava.

LINK ORIGINALE

Fonte:https://www.focus.it/rss/scienza.rss, Pubblicato il:

Related Articles

Back to top button