AttualitàConsigliatiSi dice che...

Pedini Amati costretto a tornare nella vecchia sede. Il governo non autorizza il trasferimento della Segreteria al Turismo a Palazzo Graziani

Ancora una fumata nera per la nuova sede della Segreteria al Turismo. A quanto pare il Congresso di Stato, che, si è riunito lunedì scorso, ha bocciato la richiesta del Segretario Pedini Amati di trasferire la sede della Segreteria al Turismo a Palazzo Graziani. A imporre il no sarebbe stato Stefano Canti, il Segretario al Territorio, che Pedini Amati, nella conferenza stampa del 29 settembre, aveva definito “furbacchiotto”.

Proprio Canti avrebbe fornito rassicurazioni sulle condizioni di sicurezza dell’attuale sede della Segreteria al Turismo e il Segretario Pedini Amati sarebbe stato invitato a rientrare senza indugio. L’affitto di un’altra sede è stato ritenuto un inutile sperpero di denaro.
Non si sa come reagirà Pedini Amati. Durante la conferenza stampa aveva mostrato di essere consapevole dei rischi reali a cui erano esposti coloro che lavorano nella attuale sede della Segreteria. Dopo la levata di scudi dell’esecutivo, accetterà di mettere in pericolo la salute dei suoi collaboratori oppure proseguirà nella sua protesta? Se proprio sarà costretto a lavorare in macchina, che almeno gli diano una vera auto blu.

TE

Related Articles

Back to top button