Economia

Energia, aziende e lavoratori sul lastrico E Parigi ci spegne la luce per due anni

Incubo energia, 70 aziende e mezzo milione di posti di lavoro a rischio

Confindustria nella Congiuntura flash di settembre ha condotto due simulazioni econometriche per il prezzo del gas: la prima che rimanga fino a fine 2023 a 235 euro/mwh (il valore medio di agosto); la seconda a 298 euro/mwh (il livello medio atteso dai futures). L’impatto per l’economia italiana (rispetto a un baseline in cui il prezzo del gas è tenuto fermo alla media dei primi 6 mesi del 2022: 99 euro) è stimato in una minore crescita del Pil del 2,2% e del 3,2% cumulati nel biennio 2022-2023, nei due scenari, e in 383mila e 582mila occupati in meno.

L’abnorme rincaro del gas e i rischi di carenza sui volumi – sottolinea ancora Confindustria – hanno un impatto pesante sull’Italia e gli altri paesi europei, importatori di gas. L’incidenza dei costi dell’energia sul totale dei costi di produzione potrebbe salire fino all’11,0% nel 2022 e fino al 14,6% nel 2023 per l’economia italiana, dal 4,6% pre-pandemia. Per la manifattura, l’incidenza dei costi energetici, nello scenario peggiore, atteso dai mercati, finirebbe al 10,2% nel 2022 e al 13,7% nel 2023, più che triplicata rispetto al 3,9% pre-crisi. Non a caso, secondo la Stampa, ci sarebbero almeno 70 aziende italiane a rischio per i prezzi fuori controllo.

Parigi avvisa: “Stop all’elettricità per due anni”

E intanti la Francia minaccia di spegnere la luce all’Italia. Il messaggio di Edf recapitato all’esecutivo Parigi vale il 5% del nostro fabbisogno e viene riportato da Repubblica. “I fornitori francesi avrebbero prospettato uno stop biennale al dispacciamento di energia, con tutte le conseguenze (purtroppo negative) sulla stabilità della rete e sul mix degli approvvigionamenti. Che ora andrà rivisto. Il gruppo di controllo attivo tra esponenti del Mite e di Terna, gestore della rete di alta tensione italiana, potrebbe cercare tra le pieghe delle recenti iniziative di risparmio e aumento delle importazioni di gas le risorse per fare fronte all’eventualità. Potrebbero esserci ricadute anche sul gas naturale, la materia prima con cui si produce oltre metà dell’energia elettrica italiana”.

LINK ORIGINALE

Fonte:https://www.affaritaliani.it/, Pubblicato il:

Related Articles

Back to top button