Economia

L’azienda russa Gazprom ritarderà ancora la riapertura del gasdotto Nord Stream 1

Venerdì l’azienda energetica statale russa Gazprom ha annunciato che ritarderà ancora la riapertura del gasdotto Nord Stream 1, il principale collegamento per trasportare gas naturale dalla Russia alla Germania, e quindi all’Europa. Mercoledì Gazprom aveva interrotto la fornitura per manutenzione, dicendo che il flusso sarebbe ricominciato sabato 3 settembre al 20 per cento della capacità totale del gasdotto. Adesso ha annunciato che non riattiverà la fornitura neanche sabato, a causa di alcune perdite individuate durante un’ispezione a un impianto di compressione, e non ha specificato quando potrà farlo.

L’annuncio di Gazprom è arrivato poche ore dopo che i paesi del G7 avevano raggiunto un accordo per imporre un limite al prezzo del petrolio russo. Il portavoce della Commissione Europea, Eric Mamer, ha definito le motivazioni citate da Gazprom «pretesti falsi» che dimostrano l’inaffidabilità e il cinismo della Russia.

È da mesi che la Russia ha ridotto il flusso di gas verso l’Europa. Lo aveva già bloccato del tutto per via di manutenzioni programmate lo scorso giugno, e poi lo aveva ridotto al 20 per cento a luglio. La Russia sostiene che i tagli alle forniture di gas siano dovuti alle sanzioni europee per l’invasione dell’Ucraina, che impedirebbero di accedere ad apparecchiature e interventi di manutenzione. Ma molti analisti e governi sono convinti che la Russia usi la riduzione o l’interruzione delle forniture come arma contro i paesi europei e come ritorsione per le sanzioni.

Una parte del gasdotto Nord Stream, 20 luglio 2022 (Stefan Sauer/dpa via AP)

LINK ORIGINALE

Fonte:https://www.ilpost.it/, Pubblicato il:

Related Articles

Back to top button