Economia

Gas, oscillazioni violente e improvvise Siamo ostaggi della Borsa olandese

Gas, dietro il Ttf di Amsterdam potrebbe esserci la Russia

La crisi energetica in Europa è sempre più grave. Anche l’Ue si è mossa ieri con l’intervento della presidente von der Leyen che ha aperto ad una possibilità di inserire un tetto al prezzo del metano. Ma convincere tutti i 27 Paesi non sarà facile, in particolare uno: l’Olanda. Nella Borsa di Amsterdam, infatti – si legge sulla Stampa – si crea il prezzo folle del metano che scatena l’inflazione, minaccia la recessione e ci fa rischiare un inverno al freddo. Il mercato olandese Ttf viene accusato di ingigantire il problema lasciando libera la speculazione, e il governo dei Paesi Bassi è biasimato nel resto d’Europa perché cavalca l’onda e boicotta l’idea di un tetto al prezzo del gas. “Ad Amsterdam – spiega alla Stampa Giovanni Battista Zorzoli, presidente dell’Associazione italiana degli economisti dell’energia – è stata attribuita la funzione di mercato di riferimento del metano in tutta Europa, ma in realtà ne tratta solo una minima parte“.

“Il Ttf – prosegue Zorzoli alla Stampa – non è neanche una vera Borsa di gas, è solo una Borsa di “futures”, cioè di titoli finanziari sul gas, e per di più con volumi sottili, da uno a tre miliardi di euro al giorno, pochissimi per il mercato dell’energia. Quindi il Ttf subisce oscillazioni violente in su e in giù. È manipolato da un pugno di operatori, e io ho il sospetto (solo il sospetto, ma c’è una logica dietro) che qualcuno di questi operatori agisca per conto di Putin. Sarebbe un ottimo modo per fare la guerra economica all’Europa. E il governo olandese non fa nulla per impedirlo, perché più il prezzo del metano sale, più la bilancia dei pagamenti dei Paesi Bassi ne beneficia, essendo grandi produttori di gas“.

LINK ORIGINALE

Fonte:https://www.affaritaliani.it/, Pubblicato il:

Related Articles

Back to top button